Auto Renault e il libretto di manutenzione digitale

In casa Renault il libretto di manutenzione diventa digitale

certificato manutenzione auto renault prototipo digitale

Un libretto di manutenzione digitale non è futuristico? Non si rischia più di perderlo e si aiuta l’ambiente prima di tutto. Tuttavia esiste un altro enorme vantaggio che un libretto digitale potrebbe portare che fungerebbe da garanzia per chi compra una macchina Renault usata: il costo del passaggio di proprietà andrebbe ad includere gli accessi al libretto. Ma vediamo in cosa consiste e come funzionerà il libretto digitale ora in fase prototipo.

Libretto di manutenzione digitale: come funziona?

Utilizzando la tecnologia “blockchain”, nel prossimo futuro, gli automobilisti saranno in grado di registrare e memorizzare tutte le informazioni sul loro veicolo in un unico e sicuro libro di manutenzione. Addio al cartaceo per le auto Renault, la prima a puntare sul digitale. Così il prototipo del progetto è stato presentato dal Direttore Digitale & Veicoli Connessi del Gruppo Renault E. Elbaz:

Il libretto di manutenzione digitale potrebbe consentirci di offrire servizi innovativi ai clienti nell’ambito di un nuovo ecosistema, insieme a concessionari e assicuratori. La tecnologia blockchain è in grado di creare un protocollo di fiducia affidabile […] Al di là di questo progetto, questa tecnologia consentirà un’evoluzione fondamentale per il veicolo connesso e per le micro-transazioni e le corrispondenti esigenze di sicurezza”.

Si tratta di un’idea che sfrutta la tecnologia blockchain per un aspetto importante del mondo dei motori (conservazione dei dati, sicurezza e trasparenza), un grande progetto per il quale la casa automobilistica Renault sta lavorando in partnership con la Microsoft. Oggi ogni auto ha il suo libretto cartaceo di manutenzione e tagliandi, ma riporta solo una parte di informazioni mentre tutto il resto dettagli (costruttore del pezzo, stato dell’assicurazione del prodotto, informazioni specifiche dell’officina cha ha eseguito il lavoro) sono sparpagliati in altri sistemi di registrazione che sono difficili da recuperare e spesso si perdono del tutto. Con un libretto di manutenzione digitale sviluppato su un codice opensource, il libretto potrebbe registrare tutte le informazioni e operazioni in un unico spazio gestito e controllato dal cliente. Nel caso poi si voglia vendere la proprio Renault, sarà davvero utile poter mostrare al nuovo potenziale acquirente, in piena trasparenza, tutti i dati del libretto di manutenzione, rafforzando così la fiducia tra acquirente e venditore. Dopo il certificato di proprietà digitale, la digitalizzazione del libretto di manutenzione dei veicoli amplia i servizi innovativi a disposizione degli automobilisti.

Renault e Microsoft: una partnership vincente

Microsoft ha fornito l’accesso alla tecnologia “Azure Blockchain “, utilizzata come base di codice libero per lo sviluppo e l’implementazione della soluzione. Il direttore tecnico e responsabile della sicurezza di Microsoft France, B. Ourghanlian, ha riportato che l’azienda è lieta di essere partner della Renault in questa trasformazione digitale, collaborando nella creazione di una soluzione innovativa potenzialmente adatta per l’intero ecosistema dei veicoli.
Sta collaborando al prototipo del libretto di manutenzione digitale anche la VISEO per la parte relativa all’attuazione globale del progetto da un punto di vista tecnologico e lato utente. Il CEO di VISEO E. Perrier ha sottolineato l’importanza della tecnologia blockchain per la trasparenza sempre più imprescindibile in qualsiasi sistema economico B2B. Nel progetto con la Renault tutta l’azienda si è dimostrata orgogliosa di aver contribuito alla consegna di un asset digitale completo pronto ad essere implementato su larga scala.

In questi anni dove la tecnologia sembra ormai non potersi più superare, la Renault sta facendo parlare di se per aver investito nel primo libretto di manutenzione digitale coinvolgendo competenze non comuni sul mercato, confrontando le diverse opinioni tecnologiche sul tema e individuando le opportunità per la casa automobilistica che ha giocato d’anticipo rispetto a tutti gli altri leader del settore auto.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*