Prestito personale: Il garante

garante prestito personale

Oggi parliamo della figura del garante, tanto temuta dai clienti ma così tanto richiesta da banche e finanziarie.

Prima di tutto: Cosa è il garante in un prestito e quali sono i suoi obblighi?

Il garante è una terza persona rispetto al richiedente principale. Esso si impegna al puntuale rimborso delle rate, nel caso il debitore principale, per un qualsiasi motivo non lo effettui. La banca o la finanziaria, può, a sua discrezione, richiedere il pagamento al richiedente del prestito o richiederlo al garante, che non potrà esimersi dal farlo, pena tutte le spiacevoli situazioni previste anche per il debitore principale in caso di mancato rimborso (pignoramento, intimazione di pagamento, ecc…).




Tra l’altro, quando un soggetto si impegna come garante di una terza persona, il finanziamento va ad incidere sulla sua capacità finanziaria, perciò, quando andrà a richiedere un prestito o un mutuo, l’istituto vedrà la sua posizione come garante di una terza persona dalla Centrale Rischi, e ne terrà conto nell’istruttoria per la concessione del finanziamento.

Per tutti i motivi che abbiamo elencato, entrare come garante in un’operazione di finanziamento è una cosa da ponderare molto attentamente. Sicuramente il garante dovrà preoccuparsi:

  • che le rate vengano pagate in maniera scrupolosa dal debitore principale
  • di pagare le rate se il debitore non lo fa
Spesso il primo aspetto viene tralasciato e non vengono chiesti aggiornamenti regolari relativamente all’ammortamento del prestito né alla finanziaria né all’amico/parente per cui si ha firmato come garante. Se questa operazione non viene effettuata con regolarità, ci si può ritrovare delle spiacevoli sorprese (es. segnalazioni nelle banche dati), questo perché è una responsabilità del garante essere certi che le rate vengano pagate in maniera corretta, quindi la finanziaria non si occuperà di inoltrare nessun avviso, e ci si potrebbe accorgere troppo tardi della situazione negativa che si potrebbe creare.
Se il garante si viene a trovare, per qualsiasi motivo, a dover pagare le rate al posto del debitore principale, rimane comunque il diritto di rivalsa come espresso dal codice civile (artt. 1950 – 1951 – 1952 – 2871)

Quando è necessario inserire un garante in un’operazione finanziaria?
Si può assolutamente richiedere un prestito senza bisogno di un garante, ma per farlo bisogna presentare redditi forti rispetto alla cifra richiesta, in modo tale che la finanziaria percepisca un basso rischio a fornirvi il finanziamento.

Se per un qualsiasi motivo, che può essere importo superiore a un certo ammontare di denaro, o redditi poco stabili, o redditi deboli rispetto alla cifra richiesta, o troppa propensione all’indebitamento o qualsiasi altra situazione che possa rendere l’operazione più rischiosa per la finanziaria, allora, vi verrà richiesto, se non l’avete già fatto, di inserire un garante nell’operazione. Il fatto che ci sia una seconda persona che garantisce per la prima, abbassa notevolmente il fattore di rischio per la finanziaria che a quel punto non avrà nessun problema a concedervi il prestito.




Che caratteristiche deve avere una persona per essere un buon garante?
Valgono le stesse caratteristiche che dovrebbero essere rispettate per il richiedente nel caso chieda il prestito senza un garante, per cui, redditi stabili e sufficientemente forti, buona anzianità lavorativa, cittadinanza italiana, buon contratto di lavoro.
Naturalmente esiste un’area grigia, in cui l’operazione viene ponderata e anche se il garante non rispetta tutti i requisiti (ad esempio i redditi non sono particolarmente forti), il finanziamento viene concesso, perchè magari la cifra richiesta era sotto i 15.000 euro… questo è un esempio, ma ogni situazione è una storia a sè.
In caso di dubbi provate a esprimerceli, proveremo a fornirvi una valida soluzione al vostro problema.

 

Prestito personale: Il garante
1.5 (30%) 2 votes

30 Commenti su Prestito personale: Il garante

  1. bruno marabini // 5 aprile 2016 a 11:24 // Rispondi

    Buongiorno. Gradirei un ‘informazione. Nel mese di novembre 2014 non potendo rifiutare poiché ero convinto che siccome il mio stipendio era particolarmente impegnato, non avrebbero accettato la mia firma come garante. Per cui misi la mia firma di garanzia a mia cognata per un prestito personale compass di euro 20000;
    Da circa tre mesi, a causa della perdita di lavoro di mia cognata. Le rate le stò pagando io e mi creda sto pagando le pene dell’inferno pagare oltre 400 euro mensili dal mio stipendio pur di non diventare cattivo pagatore. Le lascio immaginare. Sono un carabiniere. il mio stipendio e di circa 2200 euro mensili. inoltre devi togliere 1000 euro per il mutuo in corso, euro 300 prestito con banca, ulteriore prestito di 200 euro con banca ed ancora un di 200 con banca. Preciso dal momento che misi la firma di garanzia il mio stipendio era già cosi impegnato. E’ Possibile che abbiano accettato la firma come garante? Posso farla revocare?

  2. Salve mia figlia vuole acquistare una macchina con un finanziamento di 7000 euro io.le devo fare da garante sono titolare di un negozio pero sono rimasta indietro con alcune rate posso fare da garante anche se i pagamenti sono di 185 euro al mese e mia figlia le copre ?

    • Salve Laura, purtroppo essere indietro con i pagamenti le preclude la possibilità di diventare un ‘garante’ per una terza persona a prescindere dall’importo delle singole rate.

  3. Salve. Io ho aperto la partita iva da 4 mesi , quindi non ho reddito, e ho bisogno di un auto per lavorare. Posso chiedere un prestito di 10000€ in banca, con un garante? Quest ultimo lavora da tantissimi anni e l’azienda è sua!! Me lo darebbero? Grazie..

  4. Una persona senza busta paga ma con tetreni intestati può fare da garante??

    • Ciao Emiliano, non purtroppo no in quanto le verifiche vengono svolte sulla base delle ultime buste paga per i lavoratori dipendenti e sulla dichiarazione dei redditi per i lavoratori autonomi/liberi professionisti.

  5. Salve, ho 27 anni ed ho richiesto un finanziamento in concessionario per l’acquisto di un’auto e la cifra richiesta è 22300€ da pagare in 7 anni. Avendo io un contratto a tempo indeterminato e una busta paga di 1600€ netti con un finanziamento in atto da 200€ al mese che finirà tra 6 mesi e a mio carico un affitto da 400€ ho qualche possibilità che la richiesta venga accolta senza bisogno di un garante ? Grazie mille

  6. salve vorrei esporvi un mio problema, siccome io e il mio ragazzo dobbiamo acquistare dei mobili per la casa, premetto che il mio ragazzo ha appena terminato un contratto di lavoro di due anni e il 30 di questo mese ne firmerà uno a tempo indeterminato per un altra ditta, vorremmo sapere se nel frattempo che avvenga la firma del contratto mia nonna può farci da garante, in quanto percepisce una pensione di 850 euro ed è proprietaria di un immobile e ereditiera di altri due immobili insieme alle tre figlie. premetto anche che mia nonna ha 81 anni….grazie attendo una vostra risposta

    • Salve Giovanna, purtroppo no in quanto l’età è uno dei requisiti necessari del garante e nel caso di sua nonna verrà giudicata troppo anziana.

1 2 3

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*