Calcolo rata prestito

Come calcolare la rata di un prestito ed evitare sorprese

Calcolo rata prestito - come calcolare la rata mensile di un prestito

Se siete alla ricerca di informazioni sul come effettuare il calcolo rata prestito avrete di sicuro qualche progetto in mente. Ristrutturazione casa, voglia di un viaggio, acquisto di un’auto o di un nuovo PC, un affare da non lasciarsi scappare: sono tutte esigenze che necessitano di una ‘liquidità aggiuntiva che spinge alla richiesta di un prestito. Parliamo nello specifico di un prestito personale (finalizzato o non finalizzato), una forma di finanziamento utilizzabile per le più diverse esigenze di spesa o finalità.

Scelto con cura il tipo di prestito in base alla finalità è opportuno calcolare la rata del prestito in modo da verificare con anticipo se disponete della necessaria capacità di rimborso (come per il mutuo, anche il prestito viene rilasciato sulla base della possibilità di risparmio mensile del richiedente).

Il calcolo rata prestito è molto semplice. Occorre conoscere l’ammontare del prestito, il tasso di interesse sul prestito e la durata ovvero in quanti mesi avete deciso di restituire la somma richiesta.

Il tasso di interesse è la voce più importante in riferimento alla richiesta di un prestito. Gli interessi variano in base al tipo di prestito richiesto ad esempio, il prestito personale prevede il prestito di una somma prefissata, ad un tasso di interesse fisso.
È possibile però ottenere un buon tasso di interesse richiedendo il giusto specificando la finalità ovvero dichiarando come verrà nel concreto spesa la somma richiesta. Si tratta di un prestito finalizzato la cui concessione è subordinata all’acquisto di un bene o servizio (ristrutturazione casa o acquisto auto ad esempio). Un’altra forma di prestito che potrebbe risultare vantaggiosa anche in riferimento al calcolo rata prestito è la cessione del quinto, una particolare tipologia di prestito personale previsto in Italia, da rimborsare attraverso la trattenuta mensile effettuata direttamente in busta paga (nel caso del lavoratore dipendente) o nella pensione (nel caso del pensionato).

I migliori prestiti devono avere due principali caratteristiche:

  • devono adattarsi alle esigenze del richiedente
  • non devono nascondere spiacevoli sorprese e costi nascosti.

L’ammontare della rata del prestito varia inoltre in riferimento alla sua durata ovvero al tempo in cui si decide di restituirlo. La regola base vuole che quanto più breve è la durata del prestito, tanto più alte saranno le rate e viceversa, quanto più breve è la durata del prestito, tanto più basso sarà l’importo dovuto per gli interessi.

È possibile usare diversi tool online per il calcolo rata prestito e farsi così un’idea di massima sull’ammontare del versamento richiesto mensilmente e capire se si ha la disponibilità economica necessaria per pagare la rata.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*