Pneumatici ricostruiti

Come vengono realizzati? Quali vantaggi offrono?

I pneumatici ricostruiti - vantaggi e info pneumatici ricostruiti

I pneumatici ricostruiti sono particolari pneumatici ai quali viene applicata la sostituzione del battistrada quando raggiunge un livello di usura che rende necessaria tale operazione.

È conveniente usarli? Proviamo a fare chiarezza!

I pneumatici ricostruiti vengono realizzati utilizzando carcasse di pneumatici che sono sottoposti ad attenti e scrupolosi controlli di centratura ed equilibratura, per poter utilizzare nuovamente solamente la parte del pneumatico che non riporta grossi stress tali da distorcere le normali funzionalità.

Superati i controlli, il pneumatico viene sottoposto al processo di vulcanizzazione: processo di lavorazione del pneumatico che, mediante il riscaldamento lega chimicamente lo zolfo con le parti vecchie e nuove del pneumatico.

Come si riconoscono i pneumatici ricostruiti?
Riconoscere i pneumatici ricostruiti è molto semplice! Infatti, ai sensi della norma Ece Onu 108, devono possedere vari marchi:

  • 108 R: posta sul lato del pneumatico che indica il relativo parametro europeo assegnato
  • E: Generalmente è all’interno di un cerchio ed indica il paese di produzione e l’omologazione europea che per l’Italia è E2.
  • Cifra di sei numeri che contraddistinguono la casa produttrice
  • Denominazione Ricostruito o Reatread
  • Il nome del costruttore
  • La settimana e l’anno di ricostruzione

È bene precisare che i pneumatici non riportanti tali indicazioni non possono in alcun modo essere ricostruiti e di conseguenza circolare. Inoltre su tutti i pneumatici ricostruiti devono essere presenti, le limitazioni di utilizzo quali la velocità, ed il peso previsto dal produttore originario (vedi Misure Pneumatici). Ricordiamo che fornire tali indicazioni e verificare l’attendibilità delle stesse rientra nelle responsabilità dell’azienda che si occuperà della ricostruzione.

Tuttavia esiste un limite massimo di volte in cui è possibile ricostruire il singolo pneumatico.

È possibile infatti ricostruire fino a:

  • 1 volta per le automobili
  • 3 volte per i veicolo utilizzati per il trasporto pesante
  • 7 volte per gli aerei


Vantaggi e Svantaggi
Ricostruire il pneumatico presenta alcuni aspetti negativi che non vanno in alcun modo sottovalutati. Infatti è un’operazione delicata che deve essere eseguita con la massima cura per evitare che il battistrada ceda e si stacchi o esploda sollecitato dalle vibrazioni, la velocità ed il surriscaldamento.

I vantaggi dei pneumatici ricostruiti sono sicuramente il prezzo ed il notevole impatto ambientale che consentono a chi decide di puntare su pneumatici di questa categoria di risparmiare un po’ di soldi, senza rinunciare però alla sicurezza ed alle prestazioni.

Le nostre conclusioni
Come detto, i pneumatici ricostruiti possono rappresentare una buona occasione a livello economico ma occorre precisare che è bene seguire alcuni accorgimenti quali:

  • Verificare che in fase di ricostruzione siano stati rispettati i parametri Ece Onu
  • Controllare minuziosamente lo spessore del battistrada che deve essere almeno 1.6 mm come imposto dal Codice della Strada.
  • Dotare il veicolo di pneumatici ricostruiti che presentano le medesime misure che sono riportate sul libretto di circolazione.
  • Per stare sicuri e togliere ogni dubbio vi consigliamo di far controllare i pneumatici ad un esperto del settore.

Seguendo queste piccole indicazioni si potrà essere sicuri di aver puntato su un prodotto di qualità che esalterà le prestazioni del vostro veicolo!

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*